Porto di Marina Grande

È la zona più vera di Sorrento, ancora non toccata completamente dall'urbanizzazione selvaggia e dalle strutture turistiche che hanno invaso la cittadina. Si tratta dell'antico borghetto dei pescatori, un tempo l'unico. È separata dal resto della città da un promontorio su cui un tempo sorgeva la villa del nipote dell'imperatore Augusto. L'accesso alla marina riporta indietro nel tempo: il percorso obbligato è attraverso un'antica porta (del III secolo a.C.) in grossi blocchi di roccia calcarea.

Alla porta è legato un racconto, secondo il quale i pirati turchi che saccheggiarono Sorrento vi fossero penetrati proprio attraverso questa, aperta di nascosto nel cuore della notte da un servo traditore.

Come in passato, i pescatori che popolano la Marina Grande sono rimasti una piccola comunità molto unita e legata alle tradizioni: ancora oggi anche la spiaggia, invasa da reti e dagli oggetti del lavoro di ogni giorno sembra lontana dalla folla dei grandi stabilimenti. Proprio qui un tempo erano allestiti i cantieri per la costruzione dei famosi "gozzi sorrentini", imbarcazioni di legno con una vela, scattanti e leggere, richiestissime anche in altri luoghi della penisola sorrentina.

Nonostante il grande afflusso di turisti, il tempo in quest'angolo sembra essersi fermato e tutto sembra perfettamente integrato con la storia del luogo: anche i ristoranti, i locali e gli stabilimenti dalle singolari cabine variopinte abbarbicate sul molo.

Created: 09 Ago 2013
Last update: 28 Giu 2023
ItalyGuides.it

All rights are reserved. No part of any material on this web site may be reproduced, or stored in a database or retrieval system, distributed, or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording, or otherwise, without the prior written permission of the ComPart Multimedia srl.

MMXXIII Tèmperàntia Àngelus Sol

72729