FrançaiseItalianoEnglish

- Il Maschio Angioino (Castel Nuovo) -

Verso il mare, e in posizione elevata, spicca la poderosa mole turrita del Castel Nuovo - così chiamato per essere distinto dai più antichi castelli dell'Ovo e Capuano - anche detto Maschio Angioino, dal nome dei suoi primi fondatori.

Fatto costruire sul finire del Duecento da Carlo I d'Angiò, fu quasi completamente rifatto da Alfonso I d'Aragona nel XV secolo, dopo le distruzioni subite durante le numerose guerre per il dominio del Regno. Dopo le numerose aggiunte e trasformazioni avvenute soprattutto nel XVIII secolo, l'edificio è stato riportato all'aspetto che, presumibilmente, aveva nel Rinascimento da un restauro dei primi decenni del Novecento.

Il castello fu più volte residenza reale, ospitò importanti personalità, fu spesso teatro di disordini e di eventi importanti. Nel 1442 Alfonso d'Aragona lo trasformò radicalmente, aggiungendovi una cinta bastionata che ospitava la prima artiglieria d'Italia.

A pianta trapezoidale, Castel Nuovo è circondato da un fossato, ed è dotato di cinque possenti torrioni merlati. Sul lato ad Ovest, tra la Torre di Guardia e la Torre di Mezzo, è il celebre Arco di Trionfo, magnifica opera realizzata sul modello degli antichi archi monumentali romani, per celebrare l'ingresso a Napoli di Alfonso I, avvenuto nel 1443.

All'interno, la Cappella Palatina, del '300, è l'unica parte risalente al primo periodo angioino - sebbene sia stata parzialmente trasformata dopo il terremoto del 1456. Notevole l'elegantissimo portale rinascimentale in marmo, con i rilievi della Natività, della Madonna e Angeli e sormontato da un bellissimo rosone, opera di artisti catalani - realizzato in sostituzione di quello angioino.