Valutazione: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Cappella Sistina

 

La Cappella Sistina, è senza dubbio uno dei uno dei più grandi tesori d'arte di tutti i tempi, uno dei capolavori più celebrati al mondo. È l'ultima sala del tour nei Musei Vaticani ed è il tesoro più ambìto dai milioni di turisti che ogni anno giungono da tutto il mondo per ammirarla.

L'artefice di tanta fama e bellezza è il genio indiscusso di Michelangelo e la cosa più straordinaria è che riuscì a compiere quell'immenso miracolo artistico completamente da solo!

Normalmente nella realizzazione di grandi opere gli artisti dell'epoca lavoravano infatti con la collaborazione dei loro aiutanti. Il maestro realizzava personalmente solo alcune parti dell'opera mentre erano gli apprendisti a completarla dei dettagli minori. Per la Cappella Sistina tutto questo non accadde: incredibilmente tanta bellezza è opera di un solo essere umano.

La Sistina prende il nome da Papa Sisto IV della Rovere, che volle crearla. Sembra difficile da credere eppure quello che sarebbe diventato uno dei luoghi di culto più famosi al mondo, ha delle origini del tutto anonime. Infatti nacque quasi per caso come una semplice cappella di palazzo.

Ai Palazzi Vaticani serviva un nuovo edificio di culto, per le celebrazioni solenni e per ospitare il conclave, cioè la riunione dei cardinali che eleggono il papa. Così, intorno al 1473 il pontefice incaricò l'architetto Giovannino De' Dolci di costruire la Sistina, proprio dove un tempo sorgeva la Cappella Magna.

L'architetto creò un edificio grandioso, che aveva le stesse dimensioni del Tempio di Salomone, così come le descrive la Bibbia: lungo oltre quaranta metri e alto quanto un palazzo di sette piani!

Papa Sisto IV volle che le pareti della Cappella fossero decorate con le storie di Gesù e di Mosè, personaggi guida per il popolo ebraico, paragonandosi a loro come guida della Chiesa.

Per l'occasione, chiamò gli artisti più famosi dell'epoca: Botticelli, Rosselli, il Ghirlandaio e il Perugino perché creassero un racconto della Bibbia per immagini, che tutti potessero leggere. In più fece realizzare un pavimento preziosissimo che imitava quelli medievali, con mosaici multicolori che formano figure geometriche e cerchi concentrici. Lo stesso che calpestiamo ancora oggi.

I primi anni di vita della Sistina furono poco felici; ma proprio le vicende più sfortunate diedero vita a un capolavoro. Ai primi del 1500, intorno all'edificio erano sorti numerosi cantieri, soprattutto quello della nuova Basilica di San Pietro che era proprio lì accanto. Gli scavi per le fondamenta causarono gravi problemi statici alla cappella, finché non si aprì un'enorme crepa nella volta. Fu chiamato allora in tutta fretta Bramante, l'architetto di Palazzo, che risolse l'inconveniente fissando il solaio con delle catene metalliche.

Gli affreschi però avevano subito danni irreparabili così il nuovo papa, Giulio II, pensò a Michelangelo per riaffrescare la volta.

Michelangelo viveva da solo e conduceva una vita povera nonostante le ricchezze che aveva accumulato. Era superbo con gli altri, sempre scontento di sé, ossessionato dall'ansia della morte e della salvezza.

Veniva descritto come un "genio, ispirato, quasi estraneo e ostile al mondo". E anche il papa, nonostante la sua ammirazione, sosteneva che con Michelangelo non si potesse proprio parlare. Anche Giulio II non aveva un'indole proprio pacifica, tanto che si racconta che una volta, esasperato dall'artista, lo avesse preso addirittura a bastonate!

Ma cosa spinse il pontefice a scegliere proprio lui?