Terrazza di Castel Sant'Angelo

Particolarmente cara alla città è la grande statua dell’arcangelo Michele, che dà il nome al castello, posta in alto sulla grande terrazza; ricorda la terribile peste che colpì Roma nel 590 d.C. e che ebbe fine grazie alla miracolosa apparizione di un angelo.

A quel tempo era stato appena eletto papa Gregorio Magno, che si adoperò per scongiurare la terribile pestilenza affidando le speranze alla preghiera e a una processione, come si usava fare a quel tempo quando sciagure simili si abbattevano sulla città.

Proprio mentre i fedeli in preghiera passavano lungo il Tevere, l’Arcangelo Michele apparve e si posò sul castello concedendo la grazia, nell’istante in cui ripose la sua spada nel fodero.