Viaggio virtuale a Venezia, la città del Rinascimento, Italia in Realtà VirtualeItalyGuides.it rivoluziona il tuo modo di fare il turista! Audio guide, mappe interattive, prenotazioni hotel e galleria fotografica.Viaggio virtuale a Venezia, la cittą del Rinascimento, Italia in Realtą Virtuale
Le foto di Venezia, photo gallery di Venezia ItaliaAudio guide su Venezia, Le audioguide gratuite di Venezia in mp3 o per iPodMappa di Venezia - Mappa interattiva di VeneziaVenezia informazioni su Hotel, alberghi, biglietti, voli, prenotazioni online, last minute, guida turistica, bed and breakfast, agriturismo, guide turistiche, musei, voli, pernottamentiLibro degli ospitiViaggio Virtuale a Venezia, ItaliaItalyGuides.it - Italia in Realtą Virtuale
FrançaiseItalianoEnglish

- Prigioni: Palazzo Ducale -

Le prigioni di Venezia si trovavano all'interno di Palazzo Ducale. Le più inospitali erano collocate al piano terreno, in quelli che venivano chiamati i Pozzi, ed erano diciotto celle rivestite in legno, buie e comunicanti solo con tetri corridoi. Qui le condizioni di vita erano davvero terribili: sotto le tavole di legno si annidavano insetti di ogni tipo, il cibo era scarso e immangiabile, l’aria irrespirabile, gli ambienti sovraffollati.

Nei locali sottotetto erano ospitati, invece, i famosi Piombi. Devono il loro nome alle lastre di piombo che rivestivano i tetti, rendendo queste stanze caldissime d’estate e gelide d’inverno. In genere erano destinate ai carcerati più altolocati o ai detenuti in attesa di giudizio.

L'ospite più illustre dei Piombi è stato Giacomo Casanova, finito in carcere per una lunga sfilza di reati e protagonista della più celebre e rocambolesca delle fughe: salito si tetti, Casanova riuscì a scivolare lungo una grondaia, a infilarsi all’interno del Palazzo e a farsi aprire, per fuggire poi tranquillamente, a bordo di una gondola. Non prima, secondo una leggenda, di concedersi un caffè in piazza San Marco.

Le Prigioni Nuove, invece, si trovavano oltre il Rio di Palazzo, e ad esse si accedeva tramite il famoso Ponte dei Sospiri.